loris casconeTag Archives

Anch’io ragazzaccio, seduto su quelle scalette

scalette2

Nella distrazione e l’indifferenza di una settimana di mezza estate, un altro pezzo storico del borgo è stato messo all’indice. Dopo il giardino alla cantoniera, le panchine sulla sponda del fiume e il piazzale antistante il consorzio, è stata fatta fuori anche la scaletta della sala parrocchiale. Alzi la mano al borgo, chi non ci ha lasciato una fetta di adolescenza sopra quei gradini o sotto la tettoia. Io, mi ci sedevo anche quando aspettavo che Don Giuseppe tirasse fuori… Continue reading »

Dovremmo ricordarli tutti, i fantastici ragazzi che questo borgo ha perso.

garage

Se ne é andato un altro torneo, come da tradizione. Il secondo speciale, perché per il secondo anno si è deciso di intitolarlo ad un ragazzo speciale, che il borgo ha perso. Il video che ha contornato le due partite, ha reso l’atmosfera più distesa; ma il merito del clima, va alle quattro squadre che hanno onorato al meglio la serata. Queste nottate, per un borgo, andrebbero scolpite nella memoria, perché portano dentro qualcosa di speciale; qualcosa che va al… Continue reading »

Bar Cub campione!

Le finaliste del secondo memorial "Marco Lucci"

E’ il bar Club la regina della seconda edizione del memorial “Marco Lucci”! Dopo una finale esaltante, ben giocata su entrambe i fronti, i bianconeri si impongono per 2-1 e festeggiano “goliardicamente” la vittoria ricordando l’amico Marco. La cronaca della partita si può riassumere così: inizio di gara a viso aperto con continui capovolgimenti di fronte. Nella prima frazione, arriva più volte al tiro il Bar Club che sblocca il risultato con Simone “il puma” Tumiatti. Nel secondo tempo, cresce… Continue reading »

Suttree

suttree

Per gli amanti dell’America, quella vera, non della metropoli, ma della periferia. Cormac McCarthy, è uno dei più grandi narratori viventi, e in questo libro ci se ne rende conto. Conosco questo vecchio scrittore americano da poco; ho letto prima di questo la “trilogia della frontiera” e devo dire, non mi aveva appassionato molto. Molto stato d’animo, e poche situazioni ingarbugliate come piacciono a me. L’unica cosa che mi colpì, era il modo di raccontare di McCarthy. Quindi, quando ho… Continue reading »